http://www.lavoro.gov.it/strumenti-e-servizi/Carta-della-Famiglia/Pagine/default.aspx
http://www.lavoro.gov.it/strumenti-e-servizi/Carta-della-Famiglia/Pagine/default.aspx
News
News

Reddito di cittadinanza 2020, rinnovo Isee obbligatorio

Per continuare a percepire il sussidio anche nel 2020, è necessario aggiornare l'Isee in scadenza a fine anno

Ultime notizie

Per continuare a percepire il sussidio anche nel 2020, è necessario aggiornare l'Isee in scadenza a fine anno

L’erogazione del Reddito di cittadinanza e della Pensione di cittadinanza per il 2020 è previsto solo se si aggiorna l’Isee alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore. In caso contrario il Reddito di cittadinanza verrà momentaneamente sospeso. Lo prevede il decreto 4/2019, poi convertito in legge 26/2019. La regola riguarda, in linea generale, tutti i percettori di sussidi economici che sono legati al rispetto di determinati requisiti economici.

In particolare, è l’articolo 5 del decreto a fissare l’obbligo di aggiornamento dell’Isee alla scadenza di validità.
“I requisiti economici di accesso al RdC si considerano posseduti per la durata dell’attestazione ISEE in vigore al momento della presentazione della domanda ferma restando la necessità di aggiornare l’ISEE alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore”.
In pratica l’aggiornamento dell’Isee è necessario per dimostrare di essere ancora in una posizione economica di svantaggio tale da necessitare del sostegno economico.

Dal 2019 la validità del modello Isee è cambiata: sia quelle rilasciate nel mese di gennaio che ad agosto, sono infatti in scadenza il 31 dicembre del 2019 e quindi, la nuova Dsu ai fini di rinnovo Isee va presentata a partire dal 1° gennaio del 2020. Una volta aggiornato l’Isee, e accertato il mantenimento dei requisiti economici previsti dalla legge, si potrà godere del Reddito di cittadinanza fino alla scadenza naturale senza dover fare una nuova domanda.

Il decreto introduce il diritto alla pensione anticipata, senza alcuna penalizzazione al raggiungimento di un'età anagrafica di almeno 62 anni e di un'anzianità contributiva minima di 38 anni, la cosiddetta "pensione quota 100".
Il ritiro dal lavoro sarà possibile, in prima applicazione, dal primo aprile 2019 per i lavoratori privati che abbiano raggiunto i requisiti indicati entro il 31 dicembre 2018 e dal primo agosto 2019 per i lavoratori pubblici che li abbiano maturati all'entrata in vigore del decreto. Inoltre, potranno andare in pensione dal prossimo primo settembre (inizio dell'anno scolastico) i lavoratori della scuola.

Il modello ISEE – acronimo di Indicatore della Situazione Economica Equivalente – è un documento che certifica il reddito di un soggetto fiscale o di un nucleo familiare e, in quanto tale, la sua presentazione è indispensabile al fine di richiedere sconti, agevolazioni e prestazioni di sostegno al reddito di vario genere come l’esenzione dalle tasse universitarie, il reddito di cittadinanza, la carta Rei, bonus sulle bollette e sussidi per le famiglie.

Manuale reddito di cittadinanza_ V2_4_2_[...]
Documento Adobe Acrobat [950.1 KB]
elenco documenti isee 2020
elenco_documenti_isee_2020.pdf
Documento Adobe Acrobat [233.1 KB]
DOMANDA PER LA RICHIESTA RCI
SR180_Domanda_RdC_versione_INPS.pdf
Documento Adobe Acrobat [336.1 KB]

ENTRA A FAR PARTE DELLA NOSTRA RETE

Entra a far parte del nostro giovane gruppo e diventa uno dei nostri Centri Servizi. Lavora in un ambiente agile.

BONUS FAMIGLIE 2019

BONUS FAMIGLIE 2019 QUALI SONO?

AGEVOLAZIONI E REQUISITI

CON LA LEGGE DI BILANCIO SONO STATI INTRODOTTI DIVERSI CONTRIBUTI (BONUS FAMIGLIA 2019) PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO DELLE FAMIGLIE. SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ!

Con la Legge di Bilancio sono stati eliminati diversi contributi (Bonus Baby sitter) per il sostegno del reddito delle famiglie (Bonus famiglie 2019), altri sono stati invece riconfermati (Bonus Famiglie 2018).

Tra le novità più importanti sicuramente troviamo la detrazione per acquistare il seggiolino auto con dispositivo anti abbandono, sarà, infatti, introdotto un bonus massimo di 200€, nella forma di detrazione fiscale.

ADDIO AL BONUS BABY SITTER 2019

“Dal 1° gennaio 2019 – si legge nel comunicato dell’Istituto di Previdenza – non è più possibile presentare domanda per accedere a tale contributo”.  Il Bonus Nido in riposta a questo taglio è stato elevato da 1.000 a 1.500 euro su base annua, per il triennio 2019-2021.

 

 

Rivoluzione dell'età, si diventa "anziani" dopo i 75

Da oggi la popolazione italiana può considerarsi più giovane: si è ufficialmente "anziani" dai 75 anni in su. "Un 65enne di oggi ha la forma fisica e cognitiva di un 40-45enne di 30 anni fa. E un 75enne quella di un individuo che aveva 55 anni nel 1980".

Oggi alziamo l'asticella dell'età a una soglia adattata alle attuali aspettative di vita nei Paesi con sviluppo avanzato". "I dati demografici ci dicono che in Italia l'aspettativa di vita è aumentata di circa 20 anni rispetto alla prima decade del 1900. Non solo, larga parte della popolazione tra i 60 e i 75 anni è in ottima forma e priva di malattie per l'effetto ritardato dello sviluppo di malattie e dell'età di morte". I geriatri insomma lanciano l'adozione di una definizione dinamica del concetto di "anzianità" che si adatti "alle mutate condizioni demografiche ed epidemiologiche. E tenendo contro che scientificamente si è anziani quando si ha un'aspettativa media di vita di dieci anni".

Attualmente le indagini statistiche individuano nella media di 85 anni la longevità per le donne, e di 82-83 per gli uomini. "Del resto la realtà è sotto gli occhi di tutti - conclude Marchionni - una persona che ha 65 anni ai giorni nostri non si riesce proprio più a percepirla come 'anziana'".

 


 

 

APRIRE UN CENTRO SERVIZI CAF & PATRONATO: UN PROGETTO DI SUCCESSO:

Lavora con noi Il centro di assistenza fiscale è un servizio dedicato ai contribuenti affinché possano adempiere correttamente ai diversi obblighi previsti dalla legge. Ci sono molti uffici del genere nelle diverse città e ognuno di loro fa capo a una sigla sindacale o ad altri tipi di organizzazioni autorizzati a operare nel settore. Sebbene ce ne siano molti, c’è sempre spazio per nuove attività proprio per l’elevata richiesta. 

Aprire un centro di raccolta Caf significa collegarsi ad altri centri esistenti e fornire un servizio periferico, coprendo un quartiere o un comune in cui non vi è un centro.

Chiaramente il centro di raccolta deve essere collegato a un Caf principale a cui fa riferimento per la trasmissione delle pratiche, sfruttando una piattaforma informatica con cui elabora i documenti fiscali come le dichiarazioni dei redditi e compila i vari modelli relativi al reddito della clientela che si rivolge all’ufficio. I moduli per il pagamento delle tasse o quelli relativi all’ottenimento di prestazioni da parte degli enti pubblici sono particolarmente complessi da compilare e un errore può portare a sanzioni elevate oppure pregiudicare la concessione di un sostegno o di un servizio.

Ecco perché il centro di assistenza fiscale è importantissimo. I clienti non mancano mai e ci sono buone opportunità di guadagno. Chiaramente si deve creare la propria clientela e mantenerla attraverso l’erogazione di servizi utili ed impeccabili, assistendo il contribuente nelle sue diverse esigenze. 

 

 

 

Desiderate saperne di più su Feditescom e i nostri progetti? Potrete trovare le prime informazioni sul nostro sito e, naturalmente, venire a visitarci nella nostra sede di Roma.

Se il nostro lavoro vi entusiasma e desiderate collaborare ai nostri progetti, saremo lieti di darvi il benvenuto nella nostra associazione.